SuperBonus 110%

Ecobonus e Sismabonus per il rilancio dell’economia e dell’ambiente

Con il Decreto Rilancio varato dal Governo la scorsa estate, è stato approvato uno dei più importanti provvedimenti utili a sorreggere le imprese e riaccendere la spesa economica. La manovra in questione prevede l’incremento dell’aliquota in detrazione al 110% sulle spese sostenute nel periodo compreso dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022.

La detrazione riguarda tutti quegli investimenti nel campo dell’edilizia residenziale e non solo, che coinvolgeranno l’efficientamento energetico, le ristrutturazioni in ottica antisismica, le implementazioni impiantistiche tra le quali quelle di natura fotovoltaica e per l’approvvigionamento dei veicoli elettrici.

In questo contesto, Scaffsystem si propone come consulente qualificato per la realizzazione di progetti edilizi complessi. Affiancato alla tradizionale divisione impegnata nella produzione di scaffalatura metallica, abbiamo sviluppato un nuovo segmento dedicato alle strutture portanti in acciaio per l’architettura e, grazie anche alle partnership commerciali, come quella sviluppata con Knauf Italia, siamo in grado di garantire alti standard energetici e tecnologici in ottica di efficientamento e realizzazione di edifici con la tecnica della costruzione a secco.

Chi può usufruire del Superbonus 110%

Per poter usufruire di questi incentivi, sono necessarie alcune analisi preliminari che indicano quali edifici sono passibili di beneficio del bonus e chi sono gli attori che possono accedervi. Si tratta di:

  • condomìni
  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa
  • persone fisiche
  • no profit
  • case popolari (IACP)
  • associazioni e società sportive dilettantistiche

Tutti coloro che si trovano in una di queste condizioni, hanno la possibilità di attivare le procedure per la detrazione fiscale del 110% e richiedere una consulenza certificata volta all’efficientamento energetico o l’adeguamento sismico di un edificio.

Come accedere all’Ecobonus

Gli interventi detraibili riguardano principalmente l’isolamento termico e il cambio degli impianti, in virtù di uno a pompa di calore ad alta efficienza energetica.

La prerogativa principale per avvalersi di queste detrazioni è quella di migliorare la classe energetica dell’edificio oggetto di ristrutturazioni, almeno di due classi.

Accostati a questi interventi vi sono degli altri, definiti trainanti, vale a dire che, coadiuvati da quelli strutturali, permettono l’ottimizzazione in termini di classe energetica. In particolare parliamo del cappotto termico e delle facciate ventilate, che devono avere un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda di tutto l’edificio interessato.

In quest’ottica lo sviluppo del sistema Mechano Steel Frame, nato dalla collaborazione tra Scaffsystem e l’azienda Knauf Italia, consente la perfetta ed armoniosa integrazione delle strutture metalliche con l’involucro marchiato Knauf, diventando la più innovativa tecnologia per l’isolamento degli edifici, garantendo eccellenti prestazioni termiche, acustiche e di resistenza.

Il punto di forza di questo sistema sta nella sua capacità di adattarsi pienamente all’ambiente esterno e realizzare un pieno comfort interno all’edificio.

In tema di sostenibilità, effettuando almeno una sostituzione tra serramenti, caldaie a condensazione, scaldacqua a pompa di calore, solare termico, frangisole e domotica, il proprietario dell’immobile può accedere alla detrazione del 110% per:

  • impianti fotovoltaici, fino a una spesa di 48.000 € (2.400 €/kW; 1.600 €/kW)
  • sistemi di accumulo correlati agli impianti fotovoltaici (1.000 €/kWh)
  • colonnine di ricarica per autoveicoli elettrici

Anche sotto questo aspetto lo staff di Scaffsystem ha ideato strutture atte alla realizzazione di impianti fotovoltaici. Nel corso del tempo infatti, sono nati impianti per l’energia pulita sorrette da soluzioni metalliche autoportanti, idonee all’assemblaggio e caratterizzate da un’alta qualità e solidità.

Interventi detraibili e condizioni indispensabili per il Sisma Bonus

L’Ecobonus non è l’unico vantaggio per i cittadini che vogliono migliorare i propri edifici. All’interno del Decreto Rilancio infatti, è possibile inoltre accedere a fondi per le ristrutturazioni relative alla messa in sicurezza antisismica delle abitazioni e degli edifici produttivi in zona sismica 1, 2 e 3.

Riuscire a dare una risposta concreta a un problema di lunga data come l’adeguamento sismico, è una testimonianza di sviluppo e di attenzione ad un tema che può ormai essere considerato di portata nazionale.

Tra le peculiarità e i vantaggi espressi nell’articolo su Mechano Steel Frame, vi è sicuramente quello antisismico, aspetto caratterizzante del nostro sistema costruttivo il quale, in virtù dell’utilizzo di strutture portanti in acciaio, garantisce l’assorbimento dell’energia sismica, risultando estremamente sicuro ed affidabile.

Tutti gli interventi rientranti in questa categoria risultano essere meno invasivi ed esteticamente gradevoli, semplici da gestire grazie alla leggerezza strutturale, alla modularità e alla facilità di montaggio, nonché economicamente vantaggiosi se realizzati con sistema costruttivo a secco, piuttosto che con soluzioni tradizionali in cemento armato.

Anche nel caso del Sisma Bonus, si applica la percentuale del 110% per interventi effettuati su edifici comuni, unità singole, immobili di proprietà di persone fisiche, edifici unifamiliari o singoli purché siano all’interno di edifici plurifamiliari, con accesso esterno indipendente.

Uno degli elementi più interessanti di questa agevolazione è il fatto di non prevedere limiti per il numero degli immobili da ristrutturare.

Gli interventi ammessi al Sisma Bonus

Le tempistiche del sisma bonus sono le medesime del bonus per efficientamento energetico, ovvero tutte le spese sostenute dal 1 luglio 2020 sino al 30 giugno 2022.

Tutti coloro che si trovano nelle zone sismiche catalogate come 1, 2 e 3 possono accedere alle agevolazioni del:

  • Sisma bonus singole unità
  • Sisma bonus condomini
  • Sisma bonus acquisti

Nel Decreto è chiaramente esclusa da questi interventi la zona 4.

Le tipologie di interventi ammessi dal decreto, per i territori rientranti nelle zone sismiche beneficiarie, riguardano le demolizioni e le ricostruzioni, le sopraelevazioni e gli adeguamenti sismici strutturali.

Le fasi per accedere all’incentivo

  • realizzazione del progetto tecnico/economico rientrante tra le categorie ammissibili agli incentivi
  • pagamento al fornitore con fattura da conservare per usufruire nei 5 anni successivi delle detrazioni;
  • la detrazione del 110% della spesa sostenuta diventa credito d’imposta, da cedere a terzi come gli istituti bancari o altri intermediari finanziari;
  • il fornitore, che avrà effettuato lo sconto in fattura, riceverà sotto forma di credito d’imposta il 110% del valore della fattura;

Si tratta di una sfida unica che le imprese e i cittadini stanno affrontando, un’occasione imperdibile per mettere in sicurezza abitazioni ed edifici e realizzare un piccolo passo verso la transizione ecologica.

Perché scegliere Scaffsystem

Scaffsystem mette a disposizione il proprio know-how, la competenza e le soluzioni tecniche per analizzare e gestire richieste di preventivo da parte di tecnici e privati intenti ad accedere agli incentivi per il superbonus 110%.

Ci poniamo come fornitore di soluzioni strutturali in acciaio formato a freddo, per interventi di adeguamento sismico ed energetico, proponendo soluzioni estremamente flessibili e modulari capaci di rispondere in maniera puntuale alle crescenti necessità tecnico architettoniche.

 

Scegli il nostro sistema costruttivo e richiedi maggiori informazioni compilando il form

     

     

    Autorizzo Scaffsystem alla gestione dei miei dati in accordo a quanto riportato nell’informativa sulla privacy.
    Informativa sulla privacy