Storia

Storia

1957 - 1967

L’officina meccanica Tamborrino si trasferisce nella sua nuova sede (attuale ubicazione della Scaff System) su una superficie coperta di circa 1500 mq.
Alle dipendenze del sig. Vincenzo Tamborrino ci sono oltre 40 operai, per lo più fabbri che realizzano infissi, cancelli e strutture per l’edilizia con installazioni in tutta la Puglia e in alcune regioni limitrofe. Lo scaffale metallico è ancora un’entità sconosciuta da queste parti, il primo prototipo lo realizza personalmente il sig. Vincenzo con passione e ingegno ed è subito un successo.
Si comincia così a impiantare una piccola linea di produzione, con processi interamente manuali… dapprima lo scaffale è solo a bulloni, poi arriva quello a incastro per mezzo di ganci e più tardi anche un modello specifico per il settore ricambi.
La produzione dello scaffale prende piede, le richieste aumentano e ci si concentra sempre più su questo prodotto a scapito della produzione di infissi e carpenteria che viene pian piano ridimensionata e ridotta.

1967 - 1977

Lo scaffale è ormai diventato il prodotto di punta dell’azienda, si intraprendono i primi rapporti con i rivenditori e il volume di produzione aumenta in maniera considerevole.
A questo punto ancora una volta la capacità imprenditoriale del sig. Vincenzo si manifesta nel suo sguardo rivolto all’innovazione dei sistemi e delle tecniche di produzione.
Pur con grossi sacrifici economici, l’azienda in questi anni compie importanti investimenti in attrezzature di produzione, tra queste una linea di punzonatura per tubi prodotta dalle EDEL di Stoccarda che consente la realizzazione dei primi scaffali per negozi con un sistema di mensola a sbalzo. Il sig. Vincenzo, quando non è in azienda o da qualche cliente, si trova in giro per l’Italia e per il Mondo a visitare fiere per soddisfare la sua instancabile sete di conoscenza e ricercare sempre nuove soluzioni per la crescita della sua azienda.

1977 - 1987

La gamma dei prodotti si allarga a nuove soluzioni, tra queste anche i primi sistemi di scaffalatura industriale rivolta allo stoccaggio di pallets e materiali pesanti.
Naturalmente molti dei prodotti sono disponibili in pronta consegna, pertanto lo spazio non è più sufficiente e si procede con la realizzazione di un nuovo capannone su un area di 1600 Mq.
Proseguono al contempo gli investimenti in attrezzature: il sig. Vincenzo intanto ha trovato manforte nei suoi figli Giusi, Annamaria e Licio, che uno alla volta fanno il loro ingresso in azienda con umiltà e impegno, ciascuno si ritaglia il proprio ruolo e tutti insieme danno nuovo impulso all’attività dell’azienda. L’ingresso dei figli porta alla nascita dell’attuale denominazione dell’azienda: “ScaffSystem”, non senza qualche rimpianto per il sig. Vincenzo che rinuncia alla vecchia denominazione per assecondare la nuova immagine dell’azienda voluta dai figli.

1987 - 1997

È questo sicuramente il decennio che segna il passaggio dell’azienda da impresa artigiana ad impresa industriale. In questi anni l’azienda sperimenta quindi una radicale trasformazione, a partire dalla struttura commerciale con la creazione di una vera e propria rete vendita che promuove i prodotti dell’azienda su un territorio più ampio di quello servito sino a quegli anni.
In questo piano di sviluppo commerciale si inserisce anche la partecipazione al Movint del 1992, importante manifestazione fieristica di settore in programma a Milano; l’azienda insomma esce dal suo guscio e comincia a farsi conoscere sull’intero mercato nazionale.
Se dal punto di vista commerciale lo sviluppo inizia in questi anni, per quanto concerne la produzione non ci si è mai fermati e anzi si incrementano sempre di più le potenzialità dell’azienda con la realizzazione di una nuova struttura di circa 2500 mq. destinati alla produzione, più 600 mq. destinati a uffici e esposizione. Vengono installate due nuove linee di produzione: una per scaffalatura industriale e una per la produzione di una nuova tipologia di scaffale di media portata.

1997 - 2007

L’azienda ha ormai una buona visibilità sul mercato nazionale, comincia a investire in immagine e comunicazione.
E’ di questi anni la nuova serie completa di cataloghi, la creazione del sito internet e la sempre più costante presenza alle fiere di settore. Si intraprendono inoltre rapporti di collaborazione in paesi esteri con rivenditori e agenti che dimostrano di apprezzare la qualità del prodotto Scaffsystem e il servizio che l’azienda riesce a offrire.
La qualità tecnica è sempre un punto di forza di Scaffsystem, essa si traduce in sicurezza per i nostri clienti e in questa direzione si lavora anche in questo periodo, con un importante accordo con il politecnico dell’università di Bari: vengono svolte una serie di verifiche sui principali prodotti atte a testarne la resistenza e il campo di applicazione.
Dal punto di vista produttivo è di questi anni l’introduzione di un nuovo sistema costruttivo per la realizzazione di soppalchi denominato “Structura”, esso in pochi anni porterà l’azienda a essere tra le aziende leader in Italia in questo tipo di realizzazioni e consentirà inoltre alla stessa di proporsi per la costruzione di sistemi strutturali complessi.

2007 - 2017 e oltre

In questo ultimo decennio le linee strategiche, che in precedenza erano state solamente abbozzate, vengono ora strutturate e consolidate sempre meglio. Aumenta la partecipazione alle fiere di settore all’estero (ad es. Intermat Abu Dhabi, Cemat di Hannover, Libya Build, Batimat) e in Italia (ad es. Made Expo, Salone del Mobile).
Si intensifica l’attività di ricerca & sviluppo che porta al lancio di nuovi prodotti per il settore del fotovoltaico e dell’edilizia eco-sostenibile, grazie a un sistema costruttivo che incontra il crescente interesse da parte di progettisti e imprese di costruzioni che devono realizzare strutture metalliche per le più svariate destinazioni d’uso con soluzioni più performanti rispetto ai sistemi tradizionali.
Si punta anche con sempre maggiore determinazione sulla realizzazione di magazzini automatizzati, grazie alle sinergie sviluppate con System Integrators e produttori di tecnologie automatizzate per lo stoccaggio e la movimentazione delle merci.
L’azienda entra insomma con le carte in regola nell’era dell’industria 4.0 e, nel contempo, arricchisce la propria identità con un’attenzione costante alle collaborazioni con le associazioni culturali e artistiche che hanno a cuore la crescita sociale dei territori.
Nasce anche una divisione interna dedicata al design, nasce il progetto di una collezione di arredamenti metallici a marchio Officine Tamborrino che richiama le origini e il senso del passato, ma guarda al futuro per un rilancio fatto di nuovo entusiasmo e di una consapevolezza sempre maggiore.